top of page

USI E ABUSI DELLA PROVA TRX-CU - PARTE SECONDA

Aggiornamento: 22 mar 2023

Romolo, ho letto con attenzione quanto mi hai scritto e prima di acquistare il tuo nuovo interessante libro, non mi è chiaro come da una prova non drenata TRX-CU si possa ricavare la resistenza al taglio non drenata utilizzando la sigma verticale efficace. Cioè, la pendenza della retta all'inviluppo rappresenta il rapporto su/sigma verticale efficace che, moltiplicato per la sigma verticale efficace del sito, mi fornisce la su. Se hai pazienza la mia domanda sarebbe questa: ma perché la sigma verticale efficace e non quella totale? Che cosa otterrei variando la sigma da efficace a totale? Ciao e grazie ancora. Geol M.P.

Ciao, vediamo di chiarire gli ultimi punti. Con la prova TRX-CU portiamo il provino a consolidare nella fase di recupero dello stato tensionale geostatico. In questa fase si assiste ad una variazione di volume in assenza di sovrappressioni interstiziali che vengono costantemente dissipate. Poi, chiudiamo il rubinetto del drenaggio e conduciamo il provino a rottura, impendendo la variazione di volume e consentendo lo sviluppo delle sovrappressioni interstiziali. È proprio qui il vantaggio!

Abbiamo uno stato tensionale efficace, ed abbiamo anche le u+deltau durante l'intera fase di rottura. Pertanto possiamo calcolare gli invarianti efficaci che ci consentono, poi, di identificare l'inviluppo a rottura. In definitiva, e solo in questo modo, abbiamo la possibilità di avere un solo inviluppo a rottura che fornisce i parametri sia in condizioni drenate che non drenate. E questi ultimi variano con il livello di sforzo isotropo (o anisotropo) applicato. L'ultima considerazione relativa ad un eventuale inviluppo utilizzando i TSP e non gli ESP. i terreni rispondono sempre al principio delle tensioni efficaci. Le condizioni non drenate le abbiamo imposte noi (in pratica le abbiamo inventate) non sapendo calcolare tutti i parametri in fase transitoria. In buona sostanza analizziamo o solo le condizioni iniziali o solo quelle finali. Se utilizziamo i TSP dobbiamo solo inventarci un nuovo criterio di snervamento, perché come avrai visto dalla figura del precedente articolo, la retta di inviluppo intercetta l'asse delle ascisse e non l'asse delle ordinate o l'origine degli assi. A presto Romolo DF

20 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page